Ai margini

Me lo immagino così il margine delle cose.

Un po’ verde, un po’ rosso e un po’ arancio.
Mai troppo delineato, mai troppo sfuocato.

C’è una certa sensualità nei margini delle cose, un romanticismo intrinseco.

Come se noi spettatori, potendo toccare i margini, riuscissimo a entrare dentro il cuore delle cose, a relazionarci con loro.
Riuscire ad entrare in contatto con i margini delle cose rende più vive loro, e più presenti noi.

Seguire col dito la forma degli alberi, delle case, delle risate della gente.

Sta tutto nei margini. Nei contorni.
Vivono mondi dentro a quei margini senza che noi ce ne accorgiamo.
Le cose hanno vita propria solo se hanno un margine.

Anche l’acqua prende i confini di ciò che la contiene.
Anche l’aria probabilmente ha un margine. Il cielo stesso, o la Terra.

Anche il mare, quel mare che ci piace tanto, prima o poi fa i conti con la sabbia, il suo confine complementare.

Solo due confini che si toccano possono creare un infinito.
Solo due margini possono dare vita a una linea che non ha confine se non se stessa.

Così è la vita.
Rimanere ai margini, per immergersi dentro il confine sconfinato delle cose.

V.

(foto presa da Internet)


Una risposta a "Ai margini"

  1. il margine è l’estrema periferia delle cose, un luogo poco ambito, eppure rimanere ai margini permette di vedere, il mare a percepire il suo confine, il crinale delle Alpi a guardare giù tutta l’Italia, un cuore a condividere il suo battito.
    ml

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...