Ti va?

Aveva i capelli castani e gli occhi azzurri e luminosi. Seduta sul posto al finestrino del pullman giallo che l’avrebbe portata in gita, indossava un cappello rosso con i fiocchi.

Mi sono girata a guardarla e le ho sorriso, lei mi ha rimandato un sorriso a 32 denti, anche se le mancavano quelli davanti perché erano da latte. Avrà avuto all’incirca 6 anni, eppure mi ha sorriso come se ci conoscessimo da sempre, come se la mia strada e la sua si fossero incrociate un sacco di volte. E sono sicura che se fossi salita su quel pullman lei non avrebbe tardato a chiedermi “come ti chiami? Giochiamo insieme?”, perché ai bambini non interessa quanti anni hai, se sei ricco o povero, se sei un po’ brutto e hai i capelli arruffati.

I bambini ti chiedono come ti chiami.

Ti chiedono in quale nome ti riconosci.

Ti chiedono l’identità.

I latini dicevano “Nomen omen”, ossia il nome è un destino.

E più che un destino io direi una carta d’imbarco, il nome è quella cosa che quando ti presenti risuona in un certo modo con la persona che hai davanti. Ma come il destino, puoi sempre scegliere di cambiarlo.

Insomma, mi sono immaginata che quella bambina avesse un nome colorato e felice, come lo era lei.

Come seconda domanda i bambini ti chiedono “vuoi giocare con me?”

Non che lavoro fai, non come ti trovi all’università, non se sei felice o triste. Ti chiedono se hai ancora voglia di giocare. Se sei disposto ancora una volta a metterti in gioco. Se il tuo spirito è rimasto quello di una volta, saldo, mai stanco e perennemente gioioso. Perché non sono sbagliati i bambini che pensano che sia tutto bello.

Siamo noi “adulti” che ce lo siamo dimenticato, preferendo al gioco con noi stessi la continua sfida e insoddisfazione.

Magari ci basterebbe fare come lei: girarsi dall’altra parte del finestrino, vedere una sconosciuta, una vita che non conosci e in alcun modo ti appartiene e, senza preconcetti, sorriderle per il solo fatto che è al mondo, che esiste e che, forse, è ancora pronta a giocare con te.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...